Proroga scadenza e sospensione dell’assicurazione auto per Coronavirus

Il Governo nel Decreto Cura Italia ha previsto la sospensione dell’assicurazione auto per Coronavirus fino al 31 luglio 2020, ma l’auto non può circolare né essere parcheggiata su strada pubblica.

Nel Decreto Cura Italia per contrastare l’emergenza economica causata dalla pandemia del Coronavirus Covid-19 è prevista anche la proroga della scadenza dell’assicurazione auto e moto, solo per le polizze in scadenza tra il 21 febbraio e 30 aprile 2020.

La proroga inserita nel decreto allunga di 30 giorni la validità delle assicurazioni scadute durante questi due mesi di emergenza nazionale. Per Coronavirus il Governo ha previsto la proroga della revisione auto e della patente di guida in scadenza in questo periodo. Alcune Regioni è stata decisa anche la sospensione del bollo auto.

Inoltre gli automobilisti possono chiedere alle proprie compagnie di assicurazione una sospensione del contratto per i veicoli non utilizzati fino al 31 luglio, a patto che siano fermi in box privato o garage ed al riparo da qualsiasi possibile forma di incidente.

Proroga scadenza assicurazione auto

La proroga della scadenza dell’assicurazione auto per Coronavirus vale solo per le polizze nel periodo compreso tra il 21 febbraio e 30 aprile 2020 ed obbliga le compagnie a raddoppiare il periodo di tolleranza che va applicato alla scadenza.

Chi ha già rinnovato la propria polizza, magari procedendo al rinnovo on-line, nel 2021 ha visto allungare di 15 giorni il periodo di validità dell’assicurazione del proprio veicolo. Ad esempio se il contratto nel 2020 è scaduto il 27 marzo 2020 il prossimo anno la scadenza della copertura è posticipata all’11 aprile 2021.

L’estensione della proroga della copertura assicurativa è valida dunque solo per le polizze in scadenza fino al 30 aprile 2020 e dopo questa data, salvo ulteriori proroghe in successivi decreti, si tornerà ai 15 giorni soliti.

Sospensione dell’assicurazione auto, come fare?

Per risparmiare del denaro sull’assicurazione auto, in questo periodo di emergenza Coronavirus in cui le auto sono forzatamente ferme, si può anche procedere alla sospensione dell’assicurazione momentaneamente. Infatti quasi tutte le compagnie prevedono questa possibilità ma è necessario verificarne l’esistenza sul contratto dell’assicurazione oppure contattando direttamente la compagnia assicurativa.

Per attivare la sospensione momentanea alcune compagnie prevedono la procedura on-line, altre l’invio di una raccomandata A/R. I costi variano in base alla compagnia assicurativa, alcune l’applicano gratuitamente, altre invece prevedono un sovraprezzo al momento della stipula del contratto.

Il risparmio stimato per un automobilista, che scegliesse di sospendere per 1 mese l’RC auto, è di circa 40 euro. Se invece si optasse per la sospensione massima concessa fino al 31 luglio, il risparmio potrebbe arrivare a circa 145 euro. A proposito di risparmio fino ad ora solo UnipolSai ha previsto un bonus di un mese, ovvero un voucher di importo pari a un dodicesimo del premio pagato da utilizzare come riduzione di prezzo al momento del rinnovo.

Multa per assicurazione sospesa

Ricordati che se procedi alla sospensione dell’assicurazione non devi lasciarla parcheggiata in aree pubbliche perché altrimenti rischi una pesante sanzione, ovvero il sequestro dell’auto ed una multa che sfiora gli 800 euro. L’emendamento, (proposta di modifica n. 125.2 (testo 2) al DDL n. 1766), specifica che “il veicolo per cui l’assicurato ha chiesto la sospensione non può in alcun caso né circolare né stazionare su strada pubblica o su area equiparata a strada pubblica in quanto temporaneamente privo dell’assicurazione obbligatoria”.

Possono quindi fare richiesta di sospensione solo coloro che hanno la possibilità di parcheggiare il veicolo in un’area privata, come ad esempio un box, un posto auto condominiale o un ricovero privato. Se la sospensione dovesse riguardare anche le garanzie accessorie, come la copertura furto-incendio, gli atti vandalici o la kasco, in caso di sinistro il proprietario non ha diritto al rimborso.

Inoltre per quel periodo non puoi usare l’auto neanche per gli spostamenti urgenti perché ti verrà applicata la multa normalmente prevista per chi circola senza assicurazione, che va da 779 a 3.119 euro.

Esposto Codacos: sospensione assicurazione e rimborsi per tutti

La sospensione delle polizze Rc auto ed eventuali rimborsi legati all’emergenza Coronavirus devono valere in modo indistinto per tutti gli assicurati, indipendentemente se l’autovettura assicurata è parcheggiata in garage o su strada.

Lo chiede il Codacons, che invia una istanza a Governo, Ania e Ivass. Il lockdown imposto dal Governo impone infatti l’impossibilità del veicolo a circolare liberamente, misura che vale anche nel caso in cui il mezzo sia parcheggiato su area pubblica – scrive il Codacons – tale circostanza rimuove a monte ogni differenza tra i veicoli custoditi in luogo privato e veicoli parcheggiati su strada, ed una eventuale limitazione della sospensione delle polizze solo in favore dei mezzi assicurati custoditi in garage determinerebbe una inaccettabile disparità di trattamento a danno di coloro che non dispongono di garage privati.

Il Codacos ricorda che il contratto di assicurazione è contraddistinto dalla presenza di alcuni elementi necessari, quali il rischio e nella situazione attuale è tendente allo zero a causa del crollo dell’incidentalità sulle strade italiane, come conseguenza dei limiti agli spostamenti.

Perciò auspica parità di trattamento a tutti gli automobilisti attraverso la sospensione delle coperture assicurative sino al 31.7 per gli assicurati, indipendentemente dal luogo di custodia dell’autovettura, e il rimborso parziale delle polizze Rc auto, anche tramite voucher, per i mesi di assicurazione non goduti.

(fonte: https://www.newsauto.it/)

 


 

Print Friendly, PDF & Email